COMUNICATI STAMPA

TUTELA ANIMALE- ANMVI: IN PARLAMENTO PROPOSTE SCHIZOFRENICHE

SI’ ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI, NO ALLA TASSA SUI PROPRIETARI CHE NON STERILIZZANO IL CANE

(Cremona, 8 settembre 2014)- Una proposta per defiscalizzare e un’altra per tassare. La Camera dei Deputati sta discutendo varie mozioni sulla tutela degli animali da compagnia, incoraggiando da un lato le agevolazioni fiscali sulle spese veterinarie e dall’altro ipotizzando di tassare chi non sterilizza il proprio cane o gatto.

Defiscalizzare il possesso responsabile-  ANMVI- forte di quasi 100 mila firme per la defiscalizzazione delle cure veterinarie-  è decisamente favorevole alla mozione dell’On Marisa Nicchi, nella parte in cui chiede al Governo italiano di sostenere una normativa comunitaria tra gli Stati membri in materia di agevolazioni fiscali per le spese veterinarie sostenute per gli animali da compagnia.

E’ tempo -dichiara il Presidente dell’ANMVI Marco Melosi – di affrontare anche su scala europea il problema del possesso responsabile e del randagismo, tenendone debitamente conto quando si discute di armonizzare le aliquote IVA. Oggi- ricorda il Presidente Melosi- i proprietari italiani, cittadini fra i più tassati della UE, versano l’aliquota del 22%. “ La proposta dell’Associazione è di armonizzare le aliquote su scala europea, riconoscendo quella agevolata alle prestazioni veterinarie ed esentando del tutto dall’Imposta quelle  che impattano sulla salute pubblica di tutta Europa. In questo modo la Presidenza italiana darebbe un forte segnale di volontà a promuovere la tutela degli animali da compagnia e a sconfiggere il business dei canili e il traffico, ormai europeo, di randagi”- osserva Melosi.

Tasse controproducenti per la tutela animale- I Veterinari sono invece nettamente contrari ad ogni ipotesi di  ulteriore tassazione, tantomeno su prestazioni come la sterilizzazione chirurgica che per il loro impatto sulla salute pubblica vanno incoraggiate e non penalizzate.

Tassare la mancata sterilizzazione  di cani  e gatti avrebbe come conseguenza la stessa che il redditometro ha avuto sul microchip: i proprietari scapperebbero a gambe levate. Se invece la sterilizzazione e la registrazione in anagrafe canina fossero IVA-esenti e interamente deducibili, la  cultura del possesso responsabile farebbe enormi passi avanti-è la posizione dell’ANMVI.

“Al Fisco non si può attribuire alcuna funzione educativa – commenta Melosi- né va incoraggiata la  fiscalità punitiva. Basterebbe programmare adeguati  programmi di prevenzione del randagismo, di  microchippatura e sterilizzazione per svuotare i canili e fermare la proliferazione incontrollata di cani e gatti. La crisi economica poi concorrerebbe a far aumentare gli abbandoni e le richieste di eutanasia per l’insostebile aggravio fiscale”.

La sterilizzazione, annota infine ANMVI, non può essere un’imposizione forzata:  se da un lato è una prestazione chirurgica di base senza riflessi sulla salute e sul benessere animale, è pur sempre di un intervento invasivo in anestesia totale che può non essere indicato in alcuni soggetti. “ Ci sono ragioni – fa notare il Presidente ANMVI- di tipo  anamnestico- individuale che comportano valutazioni caso per caso, le quali devono rimanere nell’ambito della libertà di decisione e del consenso informato fra proprietario e Medico Veterinario curante. Senza contare le rilevantissime implicazioni connesse alla riproduzione consapevole di taluni esemplari, all’incremento di razza e all'allevamento canino.

Ufficio Stampa ANMVI
0372/40.35.47

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.