COMUNICATI STAMPA

Grave danno per la sanità pubblica veterinaria 
AUMENTANO LE IMPOSTE SULLE CURE VETERINARIE 
L'aumento dell'IVA si tradurrà in aumento di spesa per il SSN

(Cremona, 7 settembre 2011) - Con la manovra bis, blindata dalla fiducia, il Governo scrive la peggiore pagina fiscale per la sanità animale e la sanità pubblica veterinaria del nostro Paese.

L'aumento generalizzato dell'Iva dal 20 al 21% peserà come aggravio fiscale sulle spese veterinarie e andrà indiscriminatamente a colpire le cure e la prevenzione, con il rischio di un abbassamento della salute degli animali da compagnia che vivono in milioni di famiglie italiane e della tutela della sanità pubblica. Preoccupante anche il rincaro dell'IVA sugli alimenti per animali e quello dell'aliquota ordinaria che si abbatterà sul costo dei farmaci.

Si vanificano così le norme e gli investimenti di questo Governo per prevenire e controllare il randagismo e la relativa spesa ingente che viene ogni anno sostenuta da Stato, Regioni e Comuni.

Si vanificano anche le azioni di prevenzione come la sterilizzazione chirurgica, di lotta alle malattie trasmissibili all'uomo, di controllo epidemiologico in sanità pubblica, di sostegno alla convivenza uomo-animale, alle adozioni nei canili, alla lotta all'abbandono.

A questo si aggiunga la riduzione della detraibilità delle spese veterinarie già stabilita con la manovra di luglio. Complessivamente un duro colpo per i proprietari di animali da compagnia, ma anche alla lotta all'evasione fiscale.

Ufficio Stampa ANMVI 
0372/40.35.47

pdfCOMUNICATO STAMPA 7 SETTEMBRE 2011

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.