AugNataleANMVI2018AugNataleANMVI2018Gli Uffici chiuderanno per le festività da venerdì 21 dicembre 2018
e riapriranno lunedì 7 gennaio 2019

 Auguriamo Buon Natale e Felice Anno Nuovo!

 

Escalation di cronaca. Dal Nord al Sud

Aggressioni canine: serve una vera legge

Oggi non sono tutelati né i cani né l’incolumità pubblica

Dal 2017 la gestione del fenomeno è un LEA. Ma è fuori controllo

(Cremona, 20 luglio 2018)- Proposte dall’ANMVI per una legge del Parlamento che disciplini per via legislativa ordinaria le aggressioni canine. Il fenomeno, malgrado ricada nei Livelli Essenziali di Assistenza  (DPR 12 gennaio 2017 - Livello D10  -Salute Animale e Igiene Urbana Veterinaria) risulta privo di governance e di finanziamenti.

La prevenzione e la tutela dell’incolumità pubblica sono ancora affidate ad una ordinanza ministeriale e non ad un provvedimento legislativo ordinario-  dichiara Raimondo Colangeli, Vicepresidente ANMVI (Settore Medicina Veterinaria Comportamentale)- per questo abbiamo elaborato una proposta di legge, che siamo pronti a condividere con i parlamentari disponibili a rivedere l’attuale assetto normativo, a cominciare dalle parlamentari veterinarie Doriana Sarli, Rosellina Sbrana e Caterina Biti”. I Medici Veterinari, pubblici e privati, “possono migliorare le proprie azioni di intervento, secondo le loro diverse competenze professionali- afferma Colangeli- ma tutto ciò richiede un radicale ripensamento operativo, legislativo e finanziario”.

A fronte del ripetersi di episodi, anche drammaticamente gravi, di aggressioni canine, le norme vigenti non risultano efficaci a prevenire (educazione/patentino) né a gestire il fenomeno (interventi sanitari e veterinari sulle persone e sui cani aggressori-aggrediti, tracciabilità dei casi, statistiche di monitoraggio, misure sanzionatorie).

In Italia non esiste una epidemiologia ufficiale e sistematica delle morsicature e delle aggressioni canine, né ai danni delle persone né di altri cani. Ciononostante, Il controllo delle morsicature e delle aggressioni da cani  è stato inserito nei LEA senza che risultino evidenze di finanziamento (spesa pubblica) fondata su dati e programmazione.

Il problema si verifica tanto nei luoghi pubblici che in ambito domestico, da parte di randagi come di cani di proprietà. Ne pagano il prezzo tutti, i cittadini e anche i cani- afferma Colangeli- spesso abbattuti o rinchiusi a vita. Al contrario una efficace educazione al corretto binomio “persona-cane” potrebbe prevenire il verificarsi di fatti drammatici e costosi sotto tutti i punti di vista. Da Medici Veterinari- conclude- possiamo rifondare la relazione con i cani, su evidenze scientifiche e di medicina veterinaria comportamentale che hanno ormai acclarato che il problema non sono le razze canine e che le soluzioni sono tutte affidate all’intervento umano”.

Ufficio Stampa ANMVI - Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani- 0372/40.35.47

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.