COMUNICATI STAMPA


Il 94, 81% consiglia ai suoi clienti alimenti industriali

(Milano - 8 aprile 2016) Si è parlato molto di petfood negli ultimi mesi evidenziando il ruolo importante del Medico Veterinario referente principale per i proprietari di animali da compagnia per la loro alimentazione.

L’8 aprile, alle 12,15, presso l’Hotel Crowne Plaza di San. Donato, in occasione del Congresso Nazionale della SCIVAC (Società Culturale Italiana Veterinari per Animali da Compagnia) sul tema: "Quando il clinico incontra il nutrizionista. La dieta come strumento di gestione delle principali patologie degli animali da compagnia" è stata presentata ai 900 Medici Veterinari iscritti al Congresso e a numerosi operatori del settore, l’ultima indagine conoscitiva proposta ai veterinari su argomenti alimentari.

L’indagine, la terza, realizzata a fine 2015, dopo quella dell’ 1985 e del 2005, è stata realizzata dall’ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani) ed ha visto ritornare 2239 questionari. Un numero che da solo evidenzia il forte interesse sul tema da parte dei responsabili della salute e del benessere animale. Il questionario era composto da 10 domande, le stesse dei sondaggi precedenti per poter confrontare i dati ottenuti.

I risultati dell’indagine sono stati presentati dal Prof. Pier Paolo Mussa (*), già Ordinario di Alimentazione del Corso di Laurea in Medicina Veterinaria di Torino e Past  President  della SIANA (Società Italiana Alimentazione Nutrizione Animale) dopo una breve introduzione di Marco Melosi, Presidente ANMVI, che ha evidenziato il ruolo essenziale del Medico Veterinario per la salute ed il benessere animale ricordando anche che se oggi cani  e gatti sono presenti nel 50% delle famiglie italiane, la loro qualità di vita è nettamente migliorata e la loro vita media si è significativamente allungata è soprattutto merito del petfood oltre, ovviamente,  a regolari controlli veterinari con maggiore attenzione ad una sempre più diffusa medicina preventiva.

Prima di presentare i risultati dell’indagine il Prof. Mussa ha portato l’attenzione dei numerosi presenti su come la maggior parte dei Medici Veterinari che hanno aderito al sondaggio siano giovani, il 60% si è laureto dal 2001 al 2015 ed il 40% negli ultimi dieci anni. Questi ultimi non hanno quindi potuto partecipare al sondaggio del 2005 ma sono invece preponderanti in quello del 2015. Si può quindi pensare che i risultati dell’ indagine di oggi siano il pensiero dei giovani veterinari rispetto a quella di dieci anni fa che esprimeva invece dati riferibili ad un’altra generazione di veterinari.

-La prima domanda chiedeva la condivisione dell’assunto che le materie prime utilizzate per la produzione del petfood siano sicure da un punto di vista sanitario. La percentuale di veterinari d’accordo o molto d’accordo è risultata del 62% mentre quella in disaccordo si ferma all’11%.

-Dato quindi per scontato che i Medici Veterinari sono convinti della sicurezza degli alimenti industriali cosa pensano della loro completezza nutrizionale? L’85% ritiene il petfood decisamente migliore rispetto alle diete casalinghe. Questo dato è nettamente aumentato rispetto a dieci anni fa quando si fermava al 79,4% a dimostrazione che la categoria veterinaria è oggi ancora più convinta delle qualità dell’alimentazione industriale.

-Cosa raccomanda quindi il veterinario ai suoi clienti in assenza di patologie specifiche? Il 94,81% alimenti secchi supportati da informazione scientifica. La stessa percentuale cala, pur restando piuttosto elevata, all’83,12% quando si tratta di alimenti umidi. Questi dati evidenziano una forte convinzione del veterinario sul petfood con prevalenza verso i prodotti secchi. A favore delle preparazioni casalinghe la percentuale è molto bassa, perché i Medici Veterinari le ritengono in genere inadeguate sia per gli aspetti di formulazione sia perché è difficile che il proprietario dell’animale riesca a mantenere l’impegno qualitativo e temporale che richiedono.

-In caso invece di presenza di patologie specifiche cosa raccomanda il Medico Veterinario per il suo paziente? In questo caso la percentuale sale ancora a favore del petfood arrivando al 96,4% per il secco e al 92,25% per l’umido. Questi valori sono fortemente dipendenti dalla documentazione scientifica inerente a dimostrazione di quanto sia essenziale più che mai in presenza di patologie specifiche avere un supporto scientifico adeguato.

- quali sono secondo il Medico Veterinario nella sua esperienza clinica gli errori più frequenti da parte del proprietario? L’errore più evidenziato con una percentuale del 93,85% è la somministrazione di quantità improprie di cibo, in altre parole il proprietario dà troppo da mangiare al suo animale creando un problema di obesità che può essere causa di diverse patologie. Al secondo posto con una percentuale del 92,53% i Medici Veterinari evidenziano un mancato bilanciamento di materie prime nella alimentazione casalinga che quindi in genere viene sconsigliata per i problemi che può creare.

-Infine un’ultima riflessione: l’allungamento della durata della vita media dei cani e dei gatti verificatosi negli ultimi anni è imputabile a.. ? Rivolgendosi a Medici Veterinari ci si aspettava che la prima risposta fosse riferita al miglioramento delle cure sanitarie che con il 97,63% si ferma invece al secondo posto superata da migliori condizioni di vita degli animali che arriva al 98,96%. Al terzo posto viene riconosciuto il ruolo importante degli alimenti industriali preconfezionati supportati da informazione scientifica che esprimono una percentuale dell’89,03%. In verità se considerassimo insieme le percentuali espresse dagli alimenti con supporto scientifico e senza questo supporto la percentuale totale porterebbe l’alimentazione decisamente al primo posto.

-Conclusioni: i Medici Veterinari ritengono il petfood un alimento equilibrato, completo e certamente sicuro, facile da conservare, da gestire e somministrare. Al contrario sono fortemente negativi verso un’ alimentazione casalinga che si basi sugli scarti della cucina non solo per la sua inadeguatezza quantitativa e qualitativa ma anche per i rischi che una simile alimentazione può portare alla salute dell’animale. Per quanto riguarda invece un’ alimentazione casalinga basata su ricette del Medico Veterinario Nutrizionista non c’è una preclusione di principio ma alcune evidenti perplessità: non costa meno del petfood, non è semplice definire ricette specifiche per quella tipologia di animale o per quella patologia, sono difficili da gestire e realizzare e richiedono quindi molto impegno da parte del proprietario che spesso si stanca e finisce di non rispettare più le indicazioni del nutrizionista con tutti i problemi che ne possono derivare per la salute dell’animale. Il sostegno del petfood da parte del Medico Veterinario deriva quindi dalla consapevolezza delle procedure a garanzia della qualità e dalle evidenze scientifiche che comprovano l’efficacia, accompagnata dalla lunga esperienza di utilizzo quotidiano su milioni di animali di tutte le razze e nelle diverse condizioni patologiche.

Ufficio Stampa ANMVI
Tel. 0372/40.35.47

(*) Prof. Pier Paolo Mussa. Past President della SIANA (Società Italiana Alimentazione e Nutrizione Animale), già professore ordinario di Alimentazione e Zootecnia speciale presso la facoltà di Medicina Veterinaria di Torino.

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.