COMUNICATI STAMPA

 

ANMVI AL V RAPPORTO ‘ANIMALI IN CITTÀ’ DI LEGAMBIENTE

La salute animale è un diritto-dovere non ancora consolidato

La Legge 281 è superata: la Veterinaria sia messa al centro di nuove strategie di intervento. Su possesso responsabile e controllo della popolazione animale Regioni e Comuni vanno in ordine sparso. ANMVI: serve un coordinamento nazionale.

 

(Roma, 30 marzo 2016)- La crescente presenza di animali in città, volendoci soffermare su quelli da compagnia (anche non tradizionali), è il risultato di un profondo mutamento della sensibilità sociale. Sul cane e sul gatto di casa, il proprietario e i suoi familiari fanno un grande investimento affettivo, quando non esistenziale, secondo una tendenza recente vistosamente e rapidamente affermatasi negli ultimi 25-30 anni, puntualmente monitorata dai Rapporti di Legambiente. 

In questo arco di tempo - mentre la medicina veterinaria ha compiuto i più importanti progressi scientifici in prevenzione, diagnostica, clinica e terapia-  il legislatore non ha assecondato con lo stesso ritmo né con il medesimo sentire questa trasformazione culturale. Ne consegue una normativa, nel complesso inadeguata, che non afferma in positivo il diritto dovere alla salute degli animali, quindi alle cure veterinarie.

Fisco pesante- Ci sono ancora squilibri di approccio socio-comportamentale (atteggiamenti pet friendly e persistenze zoofobe) e squilibri di regolamentazione (dal micro intervento di dettaglio sulla lunghezza del guinzaglio alla totale assenza di linee guida di buona prassi di sterilizzazione). Un esempio lampante di questi squilibri è data dallo slancio demagogico di molta politica “amante degli animali” a cui non corrisponde alcun convinto intervento di defiscalizzazione delle cure veterinarie: l’essere senziente del citatissimo Trattato di Lisbona è in realtà un contribuente a cui il Fisco nazionale  chiede di versare l’IVA più alta della storia (il 22%) e al quale  si nega una detraibilità fiscale che si dica adeguata al costo della vita. A livello amministrativo, per alcuni Comuni disposti a rinunciare ad un balzello municipale per incentivare il possesso responsabile, ve ne sono altri che lo tasserebbero volentieri.

Normativa inadeguata- Governo e Parlamento hanno prodotto e stanno producendo leggi velleitarie, prive di copertura economica e generatrici di problemi per i cittadini e per i medici veterinari chiamati ad applicarla. Si pensi alla riforma del Codice della Strada che ha introdotto l’obbligo di soccorso agli animali incidentati, salvo poi lasciare il cittadino-soccorritore, passibile di sanzione e senza indicazione alcuna, e così pure il Medico Veterinario che, in corsa o in sosta d’emergenza, interviene a coprire carenze che la politica non ha saputo o voluto risolvere.

La Legge quadro 14 agosto 1991, n. 281 (Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del Randagismo) è arcaica e superata: è il paradigma dello scarto fra un astratto sentimentalismo demagogico e una gestione della popolazione animale realmente professionale, competente e quindi concretamente efficace. Dove questa Legge è fallita è stato a causa di strategie che non hanno mai messo al centro la figura del Medico Veterinario e le strutture veterinarie private.

Frammentazione legislativa- In questi decenni, l’eccessivo ricorso a Ordinanze e ad Accordi Stato Regioni ha determinato una frammentazione pulviscolare delle direttive centrali che hanno spesso causato inerzie amministrative inefficienze e sprechi. Lo dimostrano l’inadeguatezza delle anagrafi regionali, i ripetuti episodi di morsicature, l’irrisolta emergenza degli avvelenamenti, l’esorbitante presenza di animali abbandonati, vaganti, randagi non adeguatamente accuditi. Si pensi anche ai risvolti di predazione del bestiame, agli incidenti causati da animali vaganti e alle connesse istanze risarcitorie.

Una questione prioritariamente sanitaria- Gli animali in città, siano di proprietà o siano randagi, sono una questione prioritariamente sanitaria non scaricabile sul volontariato e sullo spontaneismo. E’ necessario affermare che la presenza degli animali in città (nelle case o nei rifugi/canili) ha risvolti di sanità pubblica e risvolti economici sulla collettività. Una cattiva gestione degli animali da compagnia non tutela da rischi igienico-sanitari e zoonosici, genera spesa pubblica e sprechi. Per cattiva gestione si intendano, nel privato, carenze di prevenzione veterinaria e di educazione al possesso responsabile; nel pubblico: carenze di strategie coordinate, efficaci e incentrate su obiettivi di sanità pubblica e sanità veterinaria.

Incuranza amministrativa- L’incuranza amministrativa è stata, ed è ancora oggi, viatico di abusivismo professionale e quindi di maltrattamento animale, soprattutto in quei canili/rifugi dove manca la figura di un  Medico Veterinario che – oltre a garantire la corretta gestione sanitaria degli animali- favorisca le adozioni, e assicuri diagnosi di medicina comportamentale scientificamente fondate nei riguardi di animali potenzialmente pericolosi per l’incolumità pubblica.

Incompetenza amministrativa- L’incompetenza amministrativa non è di per sé una colpa. Colpevole è la sistematica trascuratezza della professionalità veterinaria nell’adozione di piani e strategie di intervento, di regolamentazione del benessere e della detenzione di animali da compagnia. Si leggono frequentemente regolamenti, bandi e ordinanze che rasentano l’abusivismo professionale, l’appalto al ribasso, il maltrattamento animale per mancanza di conoscenze professionali. E’ un fatto che le associazioni protezionistiche sono più consultate della professione medico-veterinaria, specie quando le preoccupazioni  mediatico-elettorali prevalgono sulla buona amministrazione e sul cosiddetto principio “legiferare meglio”.

Per queste ragioni, l’ANMVI insiste per l’adozione di strategie unitarie, centralizzate e coordinate, basate su un approccio sanitario-veterinario, sulla valorizzazione delle strutture veterinarie private e sul controllo della spesa pubblica.

-----------------------

ANMVI ha patrocinato anche quest'anno il Rapporto annuale di Legambiente Animali in Città giunto quest'anno alla sua quinta edizione.

Ufficio Stampa ANMVI- 0372/40.35.47

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.