COMUNICATI STAMPA

 

Le misure anti-pandemia nel rapporto con il pubblico

Cure veterinarie in sicurezza: punti fermi e novità

Medici Veterinari coperti dal vaccino anti-influenzale-  Il Presidente Marco Melosi:
“Mascherina e protezioni individuali sono la nostra normalità”

Indagine ANMVI: clienti su appuntamento anche dopo il lockdown


(Cremona 9 ottobre 2020)-  Nella seconda ondata, le novità delle protezioni anti-contagio dei Medici Veterinari sono due: la vaccinazione anti-influenzale e le cure su appuntamento. Restano invariate tutte le altre misure anti-pandemia già collaudate durante il lockdown nelle 8.000 strutture veterinarie italiane e mai dismesse con la riapertura del Paese.

"Mascherina e protezioni individuali erano la nostra normalità già prima della pandemia- fa notare Marco Melosi, il Presidente dell’ANMVI. “Anche la sanificazione e l’igienizzazione sono buone prassi di ogni professione sanitaria. Ma con la stagione invernale – spiega- avremo una protezione in più: la vaccinazione anti-influenzale proattivamente offerta dal Ministero della Salute alla nostra Categoria. Non è una novità nemmeno questa- aggiunge Melosi- ma quest’anno molti più Medici Veterinari saranno coperti contro l’influenza stagionale. ANMVI sottoscrive la raccomandazione del Ministro Roberto Speranza, a vantaggio della collettività e del Servizio Sanitario Nazionale”.

Nei fatti, la pandemia ha modificato soprattutto i comportamenti dei proprietari di animali, sia da compagnia che degli allevamenti, chiamati ad assumere a loro volta accorgimenti di biosicurezza e comportamenti prudenziali. Una indagine condotta dall’ANMVI nel mese di settembre 2020 ha evidenziato che l’abitudine di recarsi dal Medico Veterinario su appuntamento è rimasta anche dopo il lockdown: lo dichiara l’86,5% dei rispondenti su un campione di 800 Medici Veterinari.

E’ rimasta anche l’emissione della ricetta veterinaria elettronica, obbligatoriamente informatizzata dal mese di aprile 2019, ma che il 46% dei rispondenti  ha continuato ad essere recapitata a distanza al proprietario di animale, confermandosi un avamposto nel processo di digitalizzazione del Paese.

Una flessione invece si è registrata nel ricorso al teleconsulto veterinario: solo il 14%  dei Medici Veterinari dichiara di avere mantenuto la modalità a distanza con il paziente animale: infatti, una volta ripristinata la mobilità, i proprietari – in particolare di cani (39%) e gatti (38%)- sono tornati a far visitare il loro animale in presenza.

Ufficio Stampa ANMVI - Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani- 0372/40.35.47

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.