COMUNICATI STAMPA

Consegnate le "Benemerenze al merito della sanità pubblica" a 24 politici, militari, primari e professori. Fra questi nessun Medico Veterinario. L'ANMVI lamenta la mancanza di attenzione verso la categoria veterinaria.

(Cremona, 6 novembre 2008) - Il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, Sen. Maurizio Sacconi, ha consegnato le " Benemerenze al merito della sanità pubblica" a 24 politici, militari, primari e professori.

Sono state consegnate medaglie d'oro, d'argento, di bronzo ed attestati per un totale di 24 riconoscimenti a politici, militari, primari, professori. Fra questi nessun Medico Veterinario.

L'ANMVI lamenta fortemente la mancanza di attenzione verso la categoria veterinaria. "Non si vuole certo mettere in discussione il merito dei premiati, ma possibile che non ci si accorga mai del lavoro essenziale per la sicurezza alimentare e la sanità pubblica che svolgono con scrupolo e serietà professionale i veterinari pubblici? Possibile che fra queste migliaia di veterinari nessuno abbia meritato almeno un'Attestazione di Merito?”

Negli ultimi mesi in Campania, Calabria ed in Sicilia sono stati vari i casi di veterinari pubblici che per aver svolto con serietà il proprio ruolo, sono stati intimiditi, aggrediti, minacciati, avvertiti con colpi di pistola sparati contro la loro abitazione o con l'incendio dell'auto o della casa. L’Associazione da mesi sta sollecitando i Ministeri competenti affinchè intervengano immediatamente a difesa ed a sostegno di questi colleghi. Il Ministero degli Interni, anche su richiesta di intervento da parte del Ministero della Salute, ha costituito una Commissione per affrontare il problema.“Servirà a poco - sottolinea l’Associazione - se non ad informare che c'è attenzione al problema. Nel frattempo i nostri colleghi continuano a vivere in condizioni di paura. Non possiamo pretendere che i veterinari di queste regioni continuino a rischiare la loro incolumità per svolgere il proprio dovere istituzionale senza precise garanzie. Questo è il minimo riconoscimento che le autorità competenti hanno il dovere di dargli subito".

Ufficio Stampa ANMVI

0372/40.35.47 
Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani

pdfCOMUNICATO STAMPA 6 NOVEMBRE 2008

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.