COMUNICATI STAMPA

CANI PERICOLOSI  DOPO IL CASO DI RIVARA (TO)

(Cremona, 19 aprile 2007) - Per l’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI) i recenti, drammatici casi di aggressione canina dimostrano l’urgenza di una riflessione ai più alti e qualificati livelli istituzionali e scientifici sul rapporto uomo-cane in ambito domestico-familiare. Questa chiave di lettura comporta una analisi focalizzata sul luogo e sul contesto privato in cui vive l’animale e soprattutto comporta la presa d’atto che fino ad ora nulla o poco si è fatto per prevenire l’aggressività in ambito domestico: dalla più banale morsicatura  ai più gravi e fatali incidenti.

L’Ordinanza ministeriale è uno strumento giuridico che disciplina la presenza del cane nei luoghi pubblici, espressamente a“ tutela dell’incolumità pubblica”. Pertanto, essa trova piena applicazione nei luoghi pubblici, ma risulta del tutto inadeguata ad intervenire nella tutela dei privati, fra le pareti di casa o dentro i confini di un giardino privato. Infatti, l’obbligo contenuto nel provvedimento ministeriale di “vigilare con particolare attenzione”sulle razze di cani elencate nell’ordinanza si riduce a poco più che una raccomandazione in mancanza di una concreta attività di educazione e di prevenzione che coinvolga direttamente i proprietari, possibilmente ancor prima dell’acquisto o dell’adozione di un cane. Non riteniamo inoltre che l’obbligo di contrarre una polizza di responsabilità civile possa giovare nei casi più drammatici registrati dalle cronache.

Quanto detto vale per qualsiasi cane: la correlazione fra alcune razze canine e la pericolosità è infatti scientificamente infondata, mentre esiste un potenziale aggressivo in qualunque cane non correttamente educato, addestrato o gestito.

L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE MEDICI VETERINARI ITALIANI SI APPELLA QUINDI AL MINISTRO DELLA SALUTE, CHIEDENDO:

di valutare con il contributo dei medici veterinari comportamentalisti opportune misure di intervento basate sulpossesso responsabile ( dal patentino alla visita comportamentale medico veterinaria)  e rispondenti ai criteri contenuti nel documento  Linee guida per una normativa nazionale sulla corretta convivenza dell’uomo con il cane e la prevenzione di episodi di aggressione canina che l’ANMVI realizzò nel 2003 con la SISCA (*)  all’indomani della prima ordinanza sui cani pericolosi dell’allora Ministro Sirchia.

L’ASSOCIAZIONE CHIEDE INOLTRE ALLE AUTORITÀ COMPETENTI:

di avviare quanto prima una ricognizione statistica e un monitoraggio sugli episodi di aggressività canina in ambito domestico, ricordando al Ministro della Salute il contributo e la collaborazione fattivi che la Categoria Medico Veterinaria offre alle istituzioni e ai cittadini.

L’emergenza non è la pericolosità dei cani, ma la persistente mancanza di una corretta educazione al rapporto uomo-animale.

Ufficio Stampa ANMVI - 0372/40.35.37  www.anmvi.it

INFO: DOTT. LAURA TORRIANI- SEGRETARIO ANMVI - 339/8941941

(*) SISCA, Società Italiana Scienze Comportamentali Applicate

pdfCOMUNICATO STAMPA 19 APRILE 2007

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.